Un’amministrazione non può più fare a meno della partecipazione dei cittadini.

Oggi sul sottopasso ma anche in futuro.

Il dibattito sul “sottopasso di Viale Maraini” coinvolge diversi aspetti, ma a parere di Sabina Radicale si trascura il vero tema.

Il primo aspetto, quello più noto e dibattuto, è l’impatto su viale Maraini del sottopasso stesso.
Pensato dalla amministrazione per “unire” due pezzi di città, rischia di essere vissuto come la spezzi tra un “di qua” ed un “di là”. Questo danneggiando irrimediabilmente anche l’estetica e la funzionalità (in ottica di una non lontana mobilità meno automobilistica) del viale che, con un futuro sviluppo delle aree ex industriale, dovrebbe diventare il nuovo baricentro della città.

Il secondo aspetto è l’impatto che l’attuazione del piano avrebbe sul traffico cittadino – tra l’altro bloccando la città intera per tutti i mesi che l’opera richiederà: il sottopasso renderà il traffico automobilistico più scorrevole lì, qualche volta nella giornata, ma andrebbe considerato cosa comporterà lo sbarramento per sempre di Via Molino della Salce-Viale dei Flavi e di Via Angelo Maria Ricci-Via Porrara, con per di più un aumento del traffico in due punti che non sembrano strutturati al meglio per sostenerlo: il ponte a Porta d’Arci, già oggi un imbuto, e la “rotatoria” intorno al McDonald (con parcheggio e negozi interni).

E’ evidente come una simile “rivoluzione” del traffico non possa essere affrontata senza un serio studio sui suoi impatti. Non già un PUT, la cui proposta – pur pagata dai contribuenti – giace nei cassetti del Comune, giacché esso prevede una riorganizzazione dei flussi senza creazione (o eliminazione) di nuove strade, ma un PUM (Piano Urbano di Mobilità).

Il vero tema, su cui vogliamo richiamare l’attenzione è però un altro: non è concepibile che una tale decisione, che avrà notevoli conseguenze – positive o negative -, venga presa da un singolo, pur a suo tempo legittimamente eletto, senza un reale coinvolgimento ed informazione alla città sui vari aspetti che il progetto comporta.

Questo della partecipazione e del coinvolgimento della comunità non è uno vezzo ideologico, come fu interpretato da Cicchetti sin da appena reinsediato, allorché cancellò le consulte cittadine con la scusa della partecipazione degli extracomunitari (sic!). Lo stesso Statuto del Comune di Rieti, predisposto durante la consiliatura Emili, recita che “Il Sindaco promuove riunioni di cittadini, di enti, di associazioni rappresentative della realtà comunale per informarli sull’attività del Comune e sugli obiettivi che l’Amministrazione intende perseguire in ordine ai più rilevanti problemi della comunità e per recepirne indicazioni.”

I tempi a cui a brevissimo andremo incontro saranno guidati dalla necessaria transizione ecologica che, per gli obiettivi che si pone, richiederà infrastrutture, impianti e scelte che avranno impatto reale sul quotidiano dei cittadini; tutti e ovunque. Viste le esperienze di difficoltà finora sperimentate ciò sarà possibile nel nostro Paese solo con una partecipazione informata, partecipata, convinta delle comunità.

Stavolta sarà indispensabile, e non solo come slogan elettorale, riavvicinare i cittadini alle istituzioni. La riconquista della fiducia, un approccio più trasparente da parte di chi applica le misure e la partecipazione attiva di chi le vive ogni giorno diventeranno, anzi sono già adesso, necessità ad ogni livello amministrativo. Radicali Italiani ha appena lanciato una campagna per la transizione ecologica che pone la urgente necessità, tra le altre cose, di questo approccio.[1]

Per questo motivo, come radicali riteniamo proprio il tema della partecipazione attiva un fattore ineludibile per una amministrazione locale. Tutto il resto – le piste ciclabili monodirezionali, le acacie o robinie che siano, il sottopasso, ma anche via Vazia o il cedro – sono problemi che se ben si osserva sono a cascata di quello.

Per i tempi che il progetto sui passaggi a livello ha di fronte a sé, sarà la prossima amministrazione a doverlo fronteggiare. Sarà l’amministrazione di Cicchetti o della sua eventuale continuità capace di questa apertura che necessariamente non potrà essere su una questione sì e su una no?

Non si direbbe che ne sia o che ne sarà capace: le dichiarazioni che tuttora vengono dal Palazzo Comunale appaiono di un’altra epoca, e si sapeva, ma sono incompatibili con l’epoca in cui siamo appena entrati.


[1] https://radicali.it/unasceltaradicale/

Comunali, a Mentana sosteniamo Valentina Cosimati

“Nelle elezioni comunali di Mentana è presente, nella lista Rete Democratica Mentana a sostegno di Marco Benedetti sindaco, la compagna radicale Valentina Cosimati. Le cittadine e i cittadini mentanesi conoscono Valentina per il suo entusiasmo, la sua storia, il suo impegno nella cultura e nell’associazionismo”, lo dichiarano in una nota Massimiliano Iervolino, segretario di Radicali ItalianiAlessandro Capriccioli, consigliere regionale +Europa-Radicali e Marco Giordani, segretario di Sabina Radicale.

“Dal canto nostro – continuano – ricordiamo come l’esperienza in anni recenti abbia dimostrato che, in ogni contesto, basta una radicale eletta a fare la differenza. Le politiche radicale abbracciano i grandi temi dei diritti civili e anche l’impegno nelle amministrazioni locali per una città accessibile, partecipata, culturalmente vivace, ecologista e femminista. Per questo invitiamo tutta la cittadinanza mentanese ad esprimere la preferenza per Valentina Cosimati, cui non faremo mancare, da eletta, l’apporto progettuale e politico dell’intero movimento”, concludono.

Segnalata una zecca nel carcere di Rieti

Sabina Radicale segnala che Rita Bernardini, presidente di Nessuno Tocchi Caino, riporta sul proprio profilo FB di aver ricevuto per posta da un detenuto del carcere di Rieti una zecca, rinvenuta nell’Istituto. Dalla foto sembra che si tratti pare di una zecca molle, cioè non quella che vive all’aperto ma quella cosiddetta “dei piccioni” perché spesso associata e veicolata da questi animali e che trova il proprio habitat in sottotetti, torri, edifici abbandonati.

Il carcere di Rieti ha carte in regola per essere uno dei migliori dal punto di vista igienico, con ogni cella dotata di doccia ed acqua calda e personale e dirigenza attenti. Purtuttavia ci viene da pensare che esistano all’interno dell’istituto delle aree in cui il parassita ha modo di stanziare, in attesa di un ospite (necessariamente umano, nella circostanza) di cui nutrirsi.

Ci auguriamo che l’accaduto, di certo segnalato anche alla ASL, sia seguito al più presto da una opportuna disinfestazione.

Sabina Radicale ricorda come il Comune di Rieti debba ancora procedere alla nomina del proprio “Garante dei Diritti delle persone private della libertà personale”, figura istituita ben otto anni fa; nomina ancor più pressante oggi che è attiva in città anche una REMS, Residenza per autori di reato affetti da disturbi mentali.

Istanza di restauro della targa al XX Settembre

L’associazione Sabina Radicale, in occasione della ricorrenza del XX Settembre, ha presentato al Sindaco di Rieti un’istanza, ai sensi dell’articolo 19 dello Statuto Comunale, affinché sia degnamente restaurata, rendendola leggibile, la targa posta in Via Pennina 27 recitante

IN QUESTA CASA

DOVE EBBE RESIDENZA IMMUTATA

L’ASSOCIAZIONE ARTIGIANA E DI PREVIDENZA

FESTEGGIANDO IL VENTICINQUESIMO ANNO DI SUA ISTITUZIONE

ED IL VENTISETTESIMO DI ROMA RESTITUITA A LIBERTA’

POSE A PERENNE MEMORIA

IL XX SETTEMBRE MDCCCXCVII

Nel 1897 l’Associazione Artigiana E Di Previdenza era censita dall’allora Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio tra le Società di Mutuo Soccorso e vantava 200 membri.

Vola il referendum Cannabis Legale; ma lo Stato non se ne avvede.

Proprio mentre martedì dal Comitato Referendum Cannabis si annunciavano le 330mila firme raccolte in 3 giorni online su www.referendumcannabis.it (ricordiamo che ne vanno raccolte 500mila entro il 30 Settembre, oggi mercoledì siamo a 420mila), a Rieti veniva diffuso un comunicato dei Carabinieri che riportava la denuncia di un 20nne incensurato per la coltivazione di 1 (una) pianta di cannabis.

Che la notizia sia stata diffusa, come promotori del referendum lo riteniamo un bene e crediamo che vada anche a vantaggio della raccolta firme mostrando l’insensatezza della norma attuale.

Non ci stupiamo che lo Stato occupi così le proprie risorse, che anche in un territorio periferico e “tranquillo” come il nostro sono sempre scarse: allo stato attuale è senz’altro dovuto che le forze dell’ordine effettuino le loro indagini e controlli; questo anche dopo la sentenza delle Sezioni Unite Penali della Cassazione del 16 aprile 2020, n. 12348 che ha sentenziato non sia punibile chi coltiva cannabis in casa per uso personale qualora l’esiguità del numero di piantine e prodotto e i mezzi usati, consentano di escludere lo spaccio.

Quello che sicuramente non è dovuto e non ci sembra opportuno è accompagnare la notizia con una foto scenografica della pianta tra due militari, neanche fosse stato rinvenuto un deposito d’armi della malavita.

Se la crisi del nostro sistema sociale si ravvisa anche nel sentire lo Stato come cosa “altra”, lo Stato dovrebbe evitare di mostrarsi così lontano da quanto si va ormai affermando a vari livelli, dal giurisprudenziale al politico al sociale.

Anche in carcere la raccolta firme per Eutanasia Legale e Giustizia Giusta

Oggi giovedì 9 settembre Sabina Radicale è entrata nel carcere di Rieti per garantire ai detenuti la possibilità di esercitare diritti civili e politici che sarebbero stati altrimenti preclusi.

L’iniziativa si inquadra in quella nazionale organizzata da Radicali Italiani che sta coinvolgendo una dozzina di istituti.

“Abbiamo dato disponibilità”, dichiarano Marco Giordani, Andrea Malfatti e l’avvocato Marco Arcangeli, “alla raccolta di firme sul referendum Eutanasia Legale, promosso da Radicali Italiani a fianco dell’Associazione Luca Coscioni, e sui sei referendum del pacchetto Giustizia Giusta promossi dal Partito Radicale e dalla Lega. Riconoscere ed esercitare i propri diritti di cittadini crediamo sia parte ineludibile di un processo di reinserimento nella società”.

A Rieti in più di 80 hanno voluto sottoscrivere le richieste di referendum, per la quasi totalità per tutti i quesiti. In diversi hanno chiesto informazioni, oltre che sui referendum giustizia, sul contenuto della Riforma “Cartabia”.

Tra i firmatari un detenuto 79nne ipovedente e su sedia a rotelle. Dai dati più recenti del Ministero e della Associazione Antigone, la Casa Circondariale di Rieti ospita attualmente 353 detenuti (per circa la metà stranieri), il 22% in più dei posti regolamentari mentre educatori e polizia penitenziaria sono il 40% e il 33% in meno del previsto. Il 30% dei detenuti è in attesa di giudizio. Il 20% sono classificati come “tossicodipendenti”. Il 90% dei detenuti assume, sotto prescrizione medica, terapia psichiatrica ma solo 36 sono le ore settimanali complessive di psichiatri e psicologi.

Adesione alla manifestazione della comunità afghana

Sabina Radicale sarà in piazza, accanto alla comunità afghana e alle altre associazioni, condividendo l’obiettivo di premere sul governo italiano affinché si creino corridoi umanitari per consentire a TUTTI coloro (uomini, donne e bambini che vogliano lasciare quel paese) di poterlo fare.

Chiediamo che il governo si attivi con priorità per i ricongiungimenti familiari di afghani già in Italia e che conceda il visto di ingresso per motivi di studio a tutte le donne afghane che ne facciano richiesta. Su questo Radicali Italiani ha lanciato una iniziativa nazionale https://radicali.it/campagne/vi-abbiamo-visto/

Plaudiamo intanto alla iniziativa delle organizzazioni diocesane reatine che si sono rese disponibili ad accogliere parte dei pochi profughi che sono già riusciti a salvarsi.

Nel frattempo, il consesso internazionale deve fare ogni sforzo e mettere in atto ogni azione affinché il governo afghano si adegui agli standard internazionali in materia di diritto umanitario internazionale.

Si dice che quel paese non sia pronto ai diritti. Per noi non è così: come per #liberiFinoAllaFine in cui siamo impegnati in questi mesi, i diritti non sono di un paese e di chi lo comanda, ma appartengono agli individui, ed ad essi vanno garantiti.

Eutanasia, Radicali: Martedì Iervolino a Terminillo per raccolta firme referendum

Martedì 24 agosto Massimiliano Iervolino, segretario di Radicali Italiani, dalle ore 11 alle 13 sarà a Terminillo (Rieti) al tavolo di raccolta firme sull`eutanasia allestito da Sabina Radicale a Pian de’ Valli, dove incontrerà cittadini, giornalisti, militanti e simpatizzanti.

“E’ dal 2013, data in cui abbiamo depositato una proposta di legge di iniziativa popolare per l’eutanasia legale, che attendiamo una risposta dal Parlamento – ha dichiarato il segretario di Radicali Italiani – un immobilismo che non è stato scalfito neanche dai richiami della Corte costituzionale e dal processo Cappato-Dj Fabo. Ora con questo importante referendum stiamo dando voce al volere dei cittadini e possiamo finalmente immaginare insieme un futuro di libertà e dignità, fino alla fine “.

Tutti coloro che vorranno sottoscrivere il referendum – hanno dichiarato Marco Giordani e Fabio Andreola, segretario e tesoriere di Sabina Radicale – potranno farlo venendo al nostro gazebo muniti di documento. Solo a Rieti e provincia – comunicano dall’associazione – sono state raccolte più di tremila sottoscrizioni di cui oltre trecento in agosto “inseguendo” i cittadini nelle loro vacanze nella località turistica montana. Anche se abbiamo raggiunto l’obiettivo nazionale di 500 mila firme non ci fermiamo”.

Firma digitale ai referendum: Rieti e Sabina Radicale attori di una conquista storica per la democrazia italiana

Il 12 Agosto è stata una giornata storica per la politica e l’esercizio attivo della cittadinanza. Mentre la raccolta firme per Eutanasia Legale procede con successo in Italia e a Rieti (ad oggi 2200 firme raccolte in città ed altre 500 in provincia) è ora finalmente possibile, in alternativa, sottoscrivere il referendum anche in forma digitale (con SPID o Carta d’Identità Elettronica) dal sito https://referendum.eutanasialegale.it/firma-digitale/

Questa modalità di sottoscrizione, a disposizione di tutti (in decine di migliaia hanno già firmato nel primo giorno di attivazione), sarà al momento particolarmente utile per chi soffre di disabilità e per gli italiani residenti all’estero che fino a ieri potevano farlo solo in Italia o nei consolati.

Dopo anni di vuote parole sulla democrazia diretta e partecipazione digitale dei cittadini, questo sì è un passo avanti nell’esercizio dei diritti politici e che attua diritti costituzionali sempre ostacolati.

A questa conquista si è arrivati grazie al ricorso, in sede delle Nazioni Unite, da parte di segretario e tesoriere di Radicali Italiani, Mario Staderini e Michele De Lucia, che denunciarono nel 2013 i numerosi ostacoli al diritto dei cittadini a promuovere referendum.

Ostacoli che l’ONU ha giudicato nel 2019 “irragionevoli” condannando l’Italia e richiedendo che le astruse regole, con cui tuttora stiamo raccogliendo firme, fossero modificate. E’ per inciso in questo contesto che recentemente lo Stato ha allargato la platea dei possibili autenticatori ad avvocati ed avvocate, che tanto ci stanno aiutando nella raccolta referendaria.

Rieti e Sabina Radicale sono state protagoniste di questa conquista davvero epocale (l’Italia è l’unico stato in cui la firma digitale è applicata per iniziative non solo di proposta ma con valore vincolante): tra le testimonianze portate all’ONU figurano infatti le difficoltà che nel 2013 si riscontrarono nella sottoscrizione di referendum presso il Comune di Rieti.

Il brano della sentenza ONU che cita Rieti

Il Garante che esiste ma non c’è

Su carcere e REMS di Rieti, i richiami di Ministro e Prefetto.

La recente pubblicazione delle violenze ai danni dei detenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere ha acceso una luce su quanto sia avvenuto in quei giorni, non solo lì ma anche a Modena, a Rieti.

Anche da Rieti infatti, dove neppure il numero di decessi fu definitivamente chiarito (organi nazionali di stampa riportarono un successivo decesso rispetto ai tre immediati, mai smentito ma non confermato nei rapporti), fu data notizia da parte di parenti di detenuti di violenze occorse nel post rivolta.

Successivamente alla evidenza “visiva” di quanto accaduto in Campania, giornali nazionali e locali hanno riportato di una inchiesta in corso anche dalla Procura della Repubblica di Rieti.

Questa inchiesta si affianca a quella interna disposta dalla Ministero di Giustizia in tutte le carceri in cui si sono svolte le rivolte, quindi inclusa Rieti.

Sabina Radicale attende le risultanze dell’inchiesta, fiduciosa nel nuovo corso che il Ministero sembra aver intrapreso. Un nuovo corso a cui la Ministra invita tutti a prendere parte, invitando nel suo discorso “chi non è mai stato in un carcere, voi tutti onorevoli lo potete fare, lo faccia, fatelo”[1].

Un invito non retorico, quasi un rimprovero – nonostante l’applauso – giacché le visite in carcere da parte dei parlamentari sono tutt’altro che frequenti. Anche nel nostro istituto, non ricordiamo in questi anni visite di alcuno dei quattro parlamentari che fanno in qualche modo riferimento a Rieti.

In questi giorni è stata inaugurata a Rieti una REMS, che è la struttura sanitaria per gli autori di reato non imputabili, perché affetti da infermità mentale, ma indicati come socialmente pericolosi. Il Prefetto di Rieti, nel suo saluto, ha rimarcato che “un aspetto su cui tutti dobbiamo impegnarci è la percezione, da parte della società, di questo fenomeno”.

E la società, la cittadinanza è in primis rappresentata, oltre che dai parlamentari – assenti perché impegnati in Parlamento proprio sul DDL Giustizia – dal Comune di Rieti, che non abbiamo visto intervenire.

Comune di Rieti che ricordiamo ha istituito oltre otto anni fa il “Garante dei Diritti delle persone private della libertà personale”. Garante istituito con un voto unanime, quindi anche della allora opposizione di destra, ma che il Consiglio Comunale non si è mai dato pena di nominare, nonostante Sabina Radicale periodicamente lo rammenti.

Crediamo allora che questo sia il momento, sia per l’inchiesta in corso in Procura, sia per la istituzione della REMS, che il Consiglio Comunale, ma anche la politica tutta che si prepara alle nuove elezioni, si facciano parte attiva, impegnandosi nel ruolo e responsabilità a cui sono chiamati, come sollecitato dal Signor Prefetto.


[1] Dal discorso di Marta Cartabia alla Camera dei Deputati del 21 Luglio nella informativa urgente del Governo sui fatti accaduti nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere:

” [..] Chi non è mai stato in un carcere, voi tutti onorevoli lo potete fare, lo faccia, fatelo (Applausi), perché un conto è vedere un reparto di alta sicurezza, un conto è vedere un’articolazione di salute mentale, un conto è vedere il reparto delle donne spesso operose, un conto è vedere le situazioni di marginalità che portano tante persone in carcere, pur avendo commesso delitti o reati di dimensioni e di portata molto diversa da quelle di altri. [..]”