Fine delle liste fantasma nei nostri piccoli comuni?

Il governo assume l’impegno formale richiesto da Alessandro Fusacchia

Forse le elezioni di autunno saranno le prime in cui i comuni con meno di mille abitanti non subiranno l’invasione di liste composte da gente mai vista in paese e che mai si vedrà anche se eletta. Nella nostra provincia stavolta i comuni potenzialmente “attaccabili” saranno Ascrea, Borbona, Borgo Velino, Cittareale e Collalto Sabino.

E’ infatti stato approvato dalla Camera un Ordine del Giorno, presentato da Alessandro Fusacchia, che “impegna il governo a valutare l’opportunità di introdurre con successivo provvedimento, con riferimento alle elezioni di cui al presente decreto-legge, considerando la possibilità di una disciplina a regime, un numero minimo di sottoscrizioni da parte di residenti necessarie per la presentazione di liste elettorali alle elezioni comunali nei comuni con popolazione inferiore a mille abitanti.”[1]

Ricordiamo che il fenomeno si verifica da diversi anni e sistematicamente ad ogni turno di elezioni viene evidenziato nelle cronache locali minori (non certo nelle metropoli). Esso riguarda prevalentemente appartenenti a forze dell’ordine, anche se nelle ultime tornate, perlomeno a Rieti, si sono manifestate liste riconducibili ad un partito di estrema destra a base pugliese, probabilmente in cerca di visibilità ed accreditamento.

Qualche mese fa pare che finalmente qualcuno nella polizia e nel Parlamento si sia svegliato ed indignato, purtroppo non grazie a segnalazioni da prefetture e amministratori locali, o dai giornali locali a disposizione di tutti, ma ahimè da un servizio tv di Striscia la Notizia.[2]

L’ordine del giorno approvato dovrebbe ottenere una velocizzazione della proposta di legge, presentata alla Camera nel marzo 2019 sempre da Alessandro Fusacchia su richiesta di Sabina Radicale che già da due anni prima aveva chiesto a partiti, parlamentari o ANCI che si facessero carico del fenomeno.[3]

Proprio ieri a rinforzare questa iniziativa, ANCI Lazio ha risposto all’appello, grazie al suo Presidente, sindaco di Monterotondo.[4]

 “Velocizzare”, perché la proposta di legge non è ancora stata portata in discussione, non essendo stata appoggiata da altri parlamentari di gruppi di maggior peso (nonostante in provincia non manchino).

La proposta prevede semplicemente che le liste debbano essere corredate di almeno 2 firme di residenti.[5]

Successivamente alla nostra, al Senato sono state presentate due proposte di legge che si occupano anche di questo problema: una da un senatore leghista di Lodi ed una da un senatore del PD di Cuneo

La proposta leghista chiede che i comuni con più di 500 abitanti debbano raccogliere 25 firme, come quelli fino a 2mila abitanti, mentre per i più piccoli se ne richiederebbero il 5%.[6]

Questa è una proposta che impatterebbe notevolmente sui nostri comuni. In provincia di Rieti ci sono 22 comuni fino a 500 abitanti e 16 comuni tra 500 e 999. Per i comuni sotto a 500 abitanti significherebbe richiedere un minimo di 10 firme per 200 abitanti e il massimo di 20 firme potrebbe limitare la possibilità di presentare liste concorrenti.

L’altra proposta, del senatore PD, non agisce sul numero delle firme, ma richiede che “nei comuni con popolazione al di sotto dei 3.000 abitanti le liste dei candidati alla carica di consigliere comunale devono contenere almeno due terzi dei candidati residenti nel comune”. [7]

Questa proposta, che crea una discriminazione tra comuni di diversa dimensione, è ancora più impattante su Rieti: solo 10 comuni su 71 ne sarebbero esclusi. Sarebbe particolarmente impattante nei piccolissimi comuni dove non è insolito che si offrano, alla gestione della comunità, dei cittadini che, pur legati a quel comune, svolgono la loro attività lavorativa e quindi hanno residenza altrove.

Le due proposte di legge, unificate, sono attualmente in discussione in Commissione e trattano anche il tema del quorum da raggiungere quando c’è una sola lista. Esse hanno peraltro avuto già pareri contrari di costituzionalisti, che non ci sembrano essere applicabili in egual misura alla proposta Fusacchia.[8]

Marco Giordani
segretario Sabina Radicale


[1] Ordini del Giorno approvati nella seduta del 29 aprile:

https://www.camera.it/leg18/995?sezione=documenti&tipoDoc=lavori_fascicoloSeduta&idlegislatura=18&back_to=https%3A//www.camera.it/leg18/76

[2] https://www.repubblica.it/politica/2020/09/30/news/banda_aspettativa_indagine_interna_polizia-269002625

[3] https://sabinaradicale.it/2017/05/15/per-favore-poniamo-fine-alla-umiliazione-dei-piccoli-comuni/

[4] http://www.ancilazio.it/varone-necessario-reintrodurre-la-raccolta-firme-per-la-presentazione-delle-liste-e-dei-candidati-nei-piccoli-comuni/

[5] Proposta di legge Fusacchia: https://www.camera.it/leg18/126?tab=&leg=18&idDocumento=1706&sede=&tipo=

[6] Proposta di legge Augussori (Lega): http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Ddliter/51573.htm

[7] Proposta di legge Taricco (PD): http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Ddliter/testi/51985_testi.htm

[8] http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/Ddliter/documenti/51573_documenti.htm

Bene l’avanzare della Terni-Rieti, meno la propaganda mistificatrice del M5S

Tutti i cittadini, reatini e ternani ma non solo, sono felici della recente inaugurazione di un altro importante tratto della Terni-Rieti. Questo non giustifica però le mistificazioni che l’hanno accompagnata.
La maggiore mistificazione è che il blocco dei lavori fosse simbolo di uno Stato che non funzionava e che adesso con il M5S finalmente sì.

La verità è che la Tecnis e i territori di Terni e Rieti sono state vittima proprio di un certo modo di intendere l’antimafia, non esclusivo del M5S ma ad esso particolarmente caro. La cronologia dei fatti che il viceministro Cancelleri – da siciliano candidato a Presidente di Regione – sicuramente conosce è infatti questa: Ottobre 2015 arresto proprietari, Novembre 2015 interdittiva antimafia (con conseguente blocco delle attività e delle commesse e grave crisi dell’azienda), Marzo 2016 i proprietari scagionati e liberati e revoca interdittiva, Marzo 2017 viene loro restituita una Tecnis ormai fallita.

Non è tutto, però: come insegnò Goebbels, “ripeti una bugia dieci, cento, mille volte e diventerà una verità”.
Va innanzitutto ricordato che, se a risolvere la situazione è dovuto arrivare l’attuale viceministro in quanto M5S (tanto che si fa venire come concelebrante il Ministro degli Esteri, solo perché è Di Maio), va ricordato che nel loro governo precedente era M5S addirittura il ministro dei Trasporti.

Il viceministro ha poi più volte dichiarato che prima che arrivasse lui nessuno aveva capito che si potesse affidare il tratto in questione alla IRCOP; ha anche ironizzato che “evidentemente nessuno prima aveva studiato le carte”. Questo è palesemente falso perché la possibilità era già stata segnalata pubblicamente e al Ministro M5S dall’ onorevole Fabio Melilli, rilanciata dalla stampa (Messaggero 15/6/19 “Rieti-Terni, Melilli incalza Toninelli”) e di nuovo da amministratori locali; solo che allora Melilli era all’opposizione; il viceministro si è scoperto “il primo a studiare le carte” quando poi Melilli ha sostituito i leghisti al governo.

Peraltro non era questa dell’affido ad IRCOP l’unica via, visto che per altri tratti in capo alla Tecnis (per esempio Micigliano, da agosto 2018) si era deciso per l’affitto di ramo d’impresa. Perché non anche per la Terni-Rieti? Questa interrogazione al ministro, a firma dell’on.Fusacchia, giace in Parlamento dal febbraio 2019.

Nel frattempo nulla si sa per la Galleria Valnerina, per la quale il M5S aveva annunciato il fine lavori (oggi è limitata al 50kmh e proibita agli infiammabili) per il settembre 2018. Altra interrogazione parlamentare non risposta giace dall’agosto 2019. A domanda sul mitico web, il locale deputato portavoce affermò che lo aveva detto l’ANAS il “settembre 2018”, non loro. Nel frattempo, anche ministri e vice avranno percorso con pazienza a 50kmh tutti i suoi 3,7km.